SERVIZIO RAI 3 – 30-06-2015 – LA RICERCA SUL TABACCO

TABACCO: ACCORDO TRA ONT ITALIA, CREA-FRC E UNIVERSITA’ di NAPOLI  - LA RICERCA AL SERVIZIO DELLA PRODUZIONE  

l’Organizzazione Nazionale Tabacco – ONT Italia, l’unita’ di ricerca per la frutticoltura di Caserta del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria (CREA-FRC) e la Facolta’ di Agraria  dell’Universita’ degli studi di Napoli hanno firmato un accordo per “l’allestimento di  campi sperimentali per il tabacco in Terra di lavoro e nel Sannio”.

Con questo accordo la ricerca “si mette al servizio della produzione”, spiega il presidente di  Ont Italia Gennaro MASIELLO, affermando che “il CREA-FRC prende l’eredita’ professionale  e il knowhow dell’ex istituto Sperimentale del Tabacco di Scafati e sara’ l’unica unita’ di ricerca per il tabacco in italia.

Per questo la collaborazione con Ont Italia non  riguardera’ solo la varieta’ burley, ma sara’ estesa anche alle altre varieta’ coltivate  in italia”. “le manifatture internazionali hanno dimostrato un significativo interesse  all’acquisto del prodotto italiano, anche perche’ l’italia rappresenta un ricco  mercato per le vendite di prodotto finito, ma e’ necessario per la parte agricola  poter rispondere alle crescenti richieste per il miglioramento qualitativo fatte dalle  stesse manifatture” e “per rispondere a questi obiettivi dal 2015 e’ iniziata una  stretta collaborazione tra l’Organizzazione Nazionale dei Tabacchicoltori e il mondo  della ricerca”, afferma l’amministratore di ONT Italia Luigi AURIEMMA, precisando che “l’iniziativa dovra’ consentire il trasferimento diretto dei risultati della ricerca  in campo e contestualmente la possibilita’ che gli stessi produttori possano  indirizzare la ricerca su specifiche esigenze”. “La convenzione sottoscritta - continua Auriemma – consente per la prima volta un approccio organico al  miglioramento qualitativo del prodotto.

La collaborazione vedra’ un pieno coinvolgimento delle organizzazioni dei produttori e dei tecnici per supportare i  produttori per il trasferimento delle innovazioni sia per i campi sperimentali per le  nuove linee varietali e per le nuove tecniche agronomiche, che per le innovazioni  per la cura del prodotto”.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
27