3

La filiera di precisione nel tabacco di qualità.

Il 18 giugno scorso si è costituito in Associazione Temporanea di Scopo, a Perugia, il partenariato che darà attuazione al progetto pilota “Precision Chain – Filiera di Precisione del Tabacco di Qualità” approvato dalla Regione Umbria con Determina del 24 aprile 2018 sulla Misura 16.2 del PSR 2014 – 2020.

Capofila dell’ATS è O.P.I.T., importante Cooperativa associata ad O.N.T. Italia per il tabacco dell’Umbria e del Veneto che, allo scopo, si coordinerà con le aziende agricole Giancarlo Latini e Giuseppe e Federico Salvi; con O.N.T. Italia per il coordinamento dell’attività sperimentale, con Team Dev s.r.l. per l’implementazione del sistema di precisione, con Impresa Verde Umbria s.r.l per il coordinamento del progetto e con Ager s.r.l. per la progettazione ed il monitoraggio delle attività.

E’ un’iniziativa che si propone di rafforzare le relazioni contrattuali nella filiera, investendo nell’innovazione come fattore di qualità, perché, come ha sottolineato il Presidente Gennarino Masiello nella due giorni della “Conferenza mondiale sul tabacco” organizzata da ELTI  – Interprofessione Europea del tabacco greggio, a Sofia nel maggio scorso, “il nostro futuro non potrà essere nel contenimento dei costi e nelle dimensioni aziendali (il tabacco europeo rappresenta il 3% della produzione mondiale), ma dovrà essere quello di raccogliere la sfida delle innovazioni, della sostenibilità, pensando al tabacco come opportunità per interpretare il cambiamento nell’agricoltura, valorizzando la qualità (oltre che del prodotto) della dimensione ambientale e sociale della coltivazione”.

Attraverso la tracciabilità dal seme al collo di tabacco greggio consegnato e la possibilità di una rintracciabilità completa di tutte le fasi del percorso produttivo, si potrà contribuire efficacemente all’obiettivo del migliore standard qualitativo e di mercato.

E’ un’applicazione progettuale che interpreta bene anche gli obiettivi del Piano di Sviluppo Rurale in una Regione, l’Umbria, da sempre attenta alla tabacchicoltura ed allo sviluppo delle relazioni di filiera e dove O.N.T. Italia investe volumi importanti dell’impegno contrattuale complessivo che, a livello nazionale, si conferma essere pari ad oltre il 45%, con riferimento a tutti i gruppi varietali coltivati.

.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Email this to someone
5